Archivi categoria: Senza categoria

LA BUONA STRADA

Screenshot_2021-06-28-07-30-58È stata pubblicata sull’Albo del Comune una Determina importante e di buon auspicio.

La nr.868 del 24 giugno 2021.

È l’incarico, affidato per 74.000 € alla società Polinomia srl di Milano, per pianificare e progettare la mobilità sostenibile del traffico a scala urbana. Per arrivare, entro max il dicembre 2022, a un Piano operativo da rendere quotidiano.

È una Determina significativa. Si spera possa rendere finalmente Lecco una città al servizio dei suoi abitanti e non delle loro auto

I tempi non son rapidissimi ma dal cronoprogramma allegato c’è una parte che andrebbe arricchita e potenziata di restituzione alla Città.

È prevista la misurazione dei flussi anche scolastici, delle ciclovie e percorsi con le bici e la gestione dell’ultimo miglio in prossimità delle scuole (un’attenzione specifica è prevista per la Stoppani).

Insomma se il buongiorno si vede dal mattino questa è una buona strada.

Spero che si possa contemplare comunque la sperimentazione anche ridotta ma urgente di “strade scolastiche”, “ZONA30”, “Case avanzate”, parcheggi periferici, sosta per residenti dei quartieri, mobilità ciclistica urbana, dissuasori di velocità, strisce bianche x bici prima del 2023.

E che questo affidamento e importante progettualitá sia affiancata e relazionata con la nascita di una Consulta della Mobilità dove i risultati son condivisi, costruiti e non solo presentati alla Città con semplici incontri pubblici.

Formare e non solo informare.

Screenshot_2021-06-28-07-34-17

AFFITTI PRIVATI E EFFETTI PUBBLICI

FB_IMG_16206263026417665Le vaccinazioni corrono. Gli affitti pure.

La Regione ha stanziato per i centri vaccinali facendo finta di non avere spazi suoi o pubblici altri 48 milioni di euro con Delibera XI 4433 del 17 marzo procedendo però, in schizofrenia, con tagli continui alla sanità pubblica, oltre 100 milioni ogni anno, da anni.

A un certo punto a furia di toglierci tutto ci ha lasciati nudi proprio mentre è arrivato il peggior inverno.

Al freddo sanitario c’è tutt’ora il cittadino, non il politico.

Suona poi davvero beffardo che a fronte di distretti sanitari pubblici diffusi sul territorio: Lecco, Bellano, Merate, Calolzio, Introbio, Oggiono ect., quindi vicino ai cittadini di ogni età, ed ennesima occasione per valorizzarli e potenziarli, anche con nuove assunzioni, la Regione non ha voluto aprire qui comodi e diffusi centri vaccinali di prossimità, ma continuare a regalar milioni ai privati.

E sarebbero di più se a Cernusco, alla Technoprobe, il centro vaccinale non l’avesse donato, chiavi in mano, la proprietà. Mezzo milione e 14 neo assunti a sue spese, fin al 31 ottobre

Da noi, invece, dopo gli oltre 40mila euro di aprile, raccolti a mo’ di carità dal Comune, adesso se ne pagano altri 81.862 € per il solo affitto del Palataurus.

È quanto scritto nella Delibera ASST nr.345 del 28 aprile.

È interessante veder invece che per la Fornace a Barzio della Comunità Montana, Regione non paga nulla.

Tutto Gratis. Pure la corrente.

Chissà cosa costan, Villa Erba, Lariofiere e gli altri. Ce lo diran mai?

Perché per il pubblico non ci sono soldi. Avevan già chiuso a singhiozzo Oggiono, Calolzio, Olgiate, Mandello…

L’impoverimento dei presidi pubblici, è sempre a beneficio del privato.

E così domani, Covid o non Covid, avremo sempre personale con turni da galera, tempi d’attesa per visite ed esami da calende greche, distretti ridotti a mera Amministrazione… perché ci sarà sempre un privato, una clinica, un’azienda di camici, un portale prenotazioni che non funziona per mesi, a cui dare milioni di soldi di tutti ed esser sempre al punto di partenza

VACCINARCI DAI DISSERVIZI LOMBARDI

code-vaccino-covidStupirsi dello stupore è il nuovo gioco di inizio anno dei cittadini lombardi.

Oggi l’occasione è il lancio della prenotazione online per i vaccini agli ultra ottantenni.

Dopo i numeri dati coi dadi per passare dalla zona gialla a quella rossa garantiti dalla Moratti.

Ai due contagiati necessari per contagiarne uno come le offerte dei negozi garantiti da Gallera

Dopo il contenere la diffusione dei malati mettendo i positivi nelle Rsa garantiti da Fontana

All’ospedale in Fiera vuoto che doveva avere 500 posti letto operativi garantiti da Bertolaso

Oggi siamo appunto al nuovo capitolo:
La prenotazione online per il vaccino agli ultra ottantenni sembra che la gestisca Trenord.

8 ore in coda sul sito, sei oltre il centomillesimo manco fossero bottiglie di Brunello, completi l’iter ma non arriva la conferma via SMS.

Se hai culo te lo fa la nipote, se sei solo, in fondo hai solo ottant’anni, te lo può fare più di un santo che stai tirando giù.

È il modello Bertolaso Lombardia.

Era troppo gentile ed efficiente chiamare il pensionato in ordine alfabetico o per gravità di patologia o per qualsivoglia criterio chiaro?

O usare quella tessera sanitaria che già tutto contiene in dati per pianificare i vaccini?

O dare risorse ai medici di base, sì quelli che il neoministro leghista Giorgietti ha detto che non servono più, e farli chiamare da loro?

No, l’ultraottantenne deve stare online tutto il giorno, fare potenzialmente da solo, per poi vedersi rimbalzare

Il Modello Lombardo non avrà mai abbastanza dosi per vaccinarci contro i suoi politici

L’ARITMETICA E L’INCOGNITA

FB_IMG_16013586848124153C’è una somma di problemi che anche a cambiare gli addendi non tornano i calcoli.

Puoi provare a tirare una riga sopra ai problemi ma non vi è numeratore così insignificante da farti sembrare piccolo qualsivoglia denominatore

Il Governo Draghi da qualsiasi parte lo si calcoli è un avanzo di occasioni mancate.
È tutto il peggio, per le aspettative creare, i migliori, l’ultima chance, Mattarella…

Ci troviamo ogni nome pronunciato che moltiplica i ricordi dei problemi che avevamo e nulla li fa sottrazione a quelli di oggi

Brunetta, Gelmini e Carfagna come se fossimo all’anno 2000 con riporto di tutti quei danni.
Nomi che non han risolto i problemi che infatti ancora stiamo pagando

Il PD è riuscito, unico partito di governo, ad azzerare le donne e loro da dentro il partito dicon eran in attesa di esser chiamate; segno a potenza che non decidono nulla, non attendi il tuo nome, lo fai.

Il M5S che per anni fa quello contro il potere, Berlusconi, mai più con la Lega, Draghi ha impiccato l’Italia, Renzi e le banche, poi somma tutto e il risultato è dire si

Draghi perché bisogna cambiare l’Italia e poi tiene ben 9 ministri di Conte e a 2 gli cambia Dicastero.

E così basta metter sotto il naso un sacco di soldi dell’Europa e si crea un’ammucchiata, l’opposizione diventa Governo e la maggioranza resta Governo.
L’incognita è se è tutta democrazia e cosa sarà della politica nei prossimi anni, decenni.

Hanno scommesso su di loro non sull’Italia e hanno vinto.

LA MEMORIA CHE NON HA MEMORIA

chrome_qrcode_1611814482698

In questi giorni ricorre la giornata della Memoria che memoria non ha.

Non festeggiamo e basta.
Facciamo altro:​ informiamoci e raccontiamo che la crudeltà nazifascista non è morta, che oggi vive e che si chiama Sionismo, occupazione della Palestina.

Che oggi vive e che si chiama Respingimenti, di mare e di terra. Lungo le rotte del Mediterraneo e quelle dei Balcani.

Che oggi vive e che si chiama Revisionismo. Che “i morti sono tutti uguali”, che vanno celebrati perché “han dato la vita per un ideale”, dimenticando di dire che l’ideale era quello che da 20 anni stava massacrando persone. Quello delle Leggi razziali, dei campi di sterminio, delle torture, della guerra, dei gas….

Che oggi vive e che si chiama Legalità e non Giustizia. Dentro le Leggi dei Tribunali Egiziani e non, tracimanti di volti a migliaia col nome Patrick Zaki e Giulio Regeni

Che oggi vive e che si chiama Sfruttamento di ambiente e del lavoratore. Che dà un dollaro al giorno manco per sopravvivere e gli chiede 10000 dollari per i farmaci salvavita.

Che oggi vive e che si chiama Rimozione della Memoria, che sono Gaza e Piombo fuso, l’Assedio di Sarajevo, il Ghetto di Varsavia, il Rwanda, Portopalo, le Stragi di Stato ect ect,

I partigiani lottavano per la libertà i fascisti stavano con i nazisti. Deve essere ed è un punto inamovibile

In questi giorni ricorre la giornata della memoria che memoria non ha, poniamo rimedio.
Perché la Giornata della Memoria non sono e non siano solo giornate.

CHI È A NON VOLER OBBLIGHI?

FB_IMG_16096254680605178In questa partita di vaccini…

Si sta infoltendo la squadra dei cittadini per il manganello sanitario e le sue sirene son anticipate, fagocitate, celebrate dai massmedia

Non c’è spazio per mezzo rappresentante che spieghi, invece che parteggiare
O lo fai o sei licenziato.

E così siamo a:
Medici/infermieri che eran eroi fin a ieri e ora vanno radiati se non si vaccinano, anche se sono proprio gli stessi

È il turno dell’obbligo o verità
Il “patentino per i vaccinati” che permette di fare cose rispetto a chi non è vaccinato
Fa niente che, se va di culo, ci voglion 10 mesi e forse anni per vaccinarci tutti e ci sono delle priorità… Perché uno dovrebbe essere penalizzato rispetto a quelli a cui verrà fatto subito? Chi è disposto a restare in coda con meno diritti: no scuola, no negozi, no vacanze, no cinema, no ristorante, no posta, no esami.
Lavoro si.

E guai se si chiede di estendere il senso di responsabilità.
Via il tabacco che uccide.
E l’alcol, vogliam parlarne o ci beviamo sopra?
E il colesterolo che uccide più del covid?
E come uccide la vita poi…vero?

Tutti per l’obbligo del vaccino. Punto e basta

Perché noi qua da giorni parliamo di quelli che non si vogliono vaccinare, mica di quelli che si vogliono vaccinare (milioni) e ancora non sanno né dove né quando né come

In Germania ieri son arrivati a 42000 vaccinati. Noi 8361.

Abbiam capito male. È che sono loro che non hanno l’obbligo di vaccinarci tutti. E nemmeno di curarci.