Archivi categoria: Politica & Balle

BASTA, BASTA PRESTARE IL FIANCO. I NODI VENGONO SEMPRE AL PETTINE


pataccadelresoleAnche nel loro piccolo alcuni assessori prestano il fianco alle opposizioni e fan danni, anche da fermi.

Perché qui il nodo non è il non riuscire, é il voler far credere.

Una dimostrazione è il comunicato stampa della Lega sulla vicenda Cinema, uscito oggi.
L’Assessore Valsecchi, con l’ennesima conferma che di nuovi Cinema a Lecco non se ne intravedono nemmeno col binocolo, ne è l’ingenuo e grave responsabile. 
Io credo che questi comportamenti e abitudini generano danni alla Città e prestano, con provata  evidenza appunto, il fianco alle opposizioni altrimenti amorfe e ridicole, col rischio di vanificare o depotenziare impegno, intelligenze e risultati di altri, agli occhi provati del cittadino.
Mi spiego.
Come può essere altrimenti se non “il prestare il fianco” quando un Assessore, in questo caso Valsecchi, candidatosi sindaco per autoproclamazione, da anni e anni, (oltretutto non avendo titolo amministrativo) ogni mese, con un’infinità di parole roboanti, millanta e distribuisce nel cortocircuito pubblicitario cittadino, l’imminente apertura, per suo merito e intercessione, di una Multisala a Lecco che nella realtà dei fatti, invece, non apre mai?
Come può non essere “il prestare il fianco”, se ogni giorno, sentendo sempre lui e il suo partito, è il giorno buono, che lui ha parlato personalmente con numerosi imprenditori del settore ed è cosa ormai fatta, ed invece, alla prova dei fatti e della realtà, dopo 5 anni di fumo, dopo reiterate e continue aspettative alimentate dall’Assessore, dopo copie carbone di suoi comunicati stampa illusori e farlocchi sulla stampa, dopo convegni da passerella pomposamente vacui… alla fine, ogni volta, come ieri, come sempre,  siam qui a registrare che é stato smentito dai fatti, dalla realtà e i cittadini devono ancora una volta subire l’ennesima delusione di aspettative ingannate, perché di cinema non se ne apre manco mezzo?
Non è davvero un modo per “prestare il fianco” alle opposizioni e alle accuse (legittime) dei cittadini?
Vien quasi da pensare che se mai davvero aprirà un cinema a Lecco sarà nonostante e all’insaputa di Valsecchi.
Davvero mi fa tristezza, e mette paura, questo smisurato parossismo di immoralità, arroganza e ridicolo.
Queste secche della politica del far credere, per interessi personali e di ego da perenne campagna elettorale che prestano il fianco a pulpiti partitici altrimenti impresentabili.
Bisogna avere a cuore la Città più che il proprio futuro politico.
I nodi vengono sempre al pettine.

IL FASCISMO E LA MISERIA DI VENTURINI

VENTURINIVenturini è un ignorante.
Venturini, infatti, ignora sia la democrazia, sia il buonsenso.
Venturini avrebbe fatto meglio a tacere, dopo i fatti tragici di Barcellona, al posto di violentare sia la democrazia che il buonsenso, attribuendosi – Per farsi colto? Perché non sa articolare un’idea sua? Per prendere in giro i lettori? – parole di altri e concetti spaventosi.

E ha fatto benissimo Duccio Facchini di Qui Lecco Libera a smascherarlo e chiedere di vergognarsi.
La democrazia non è vero che legittima e soprattutto equipara ogni opinione. Questa storia che “la mia opinione vale come la tua” con cui ognuno – e per primo Venturini – giustifica la propria cazzata, deve finire.
Occorre che si torni a riconoscere la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza tra le affermazioni di un esperto e i vaneggiamenti di un Venturini qualsiasi.
Detto questo è altrettanto opportuno fare una premessa ulteriore.
Il fascismo non è un’ideologia; il fascismo è un metodo che si può applicare a qualsiasi ideologia. E’ quindi fascismo chiedere Leggi discriminanti, verso una religione, un’etnia, un popolo, per esempio. E’ fascismo quando i fini giustificano i mezzi. E’ fascismo quando si cavalca una cazzata fascista di Venturini per una lotta politica partitica o di visibilità di like o copie di giornali. (alcuni giornali online che arrivano a classificare una Giunta in base ai colori dei vestiti o degli accessori degli amministratori, per cavalcare la notizia, sono di una bassezza, che nulla ha a che vedere, a parer mio,  con il dovere d’informazione, ma col gossip).

Detto questo io sono dell’idea che la cazzata fascista di Venturini non abbia nulla a che spartire e quindi da dover essere disconosciuta o meno, da parte del Sindaco di Lecco Brivio o dalla Giunta.
Non c’entra nulla con nessuna azione amministrativa, o linea programmatica, di un’amministrazione locale. Qualunque essa sia. Del PD, di Sinistra o di destra che dir si voglia.
Dire il contrario o alimentare una diversa lettura, attribuendo o lasciando credere che il pensiero fascista e ignorante dell’Assessore Venturini sia – o anche solo, possa essere, il pensiero dell’Amministrazione è un volgare espediente di lotta politica quando il consenso nel quotidiano manca, e a livello giornalistico quando si vuole solo, per la stessa mancanza di consenso, provare a aumentare i like o le copie soffiando su fuochi beceri.

Sono per questo, come cittadino democratico e antifascista, totalmente sereno e per nulla scandalizzato di non aver letto e sentito finora nessuna dichiarazione (ne di presa di distanze ne di revoca delle deleghe) da parte del Sindaco di Lecco – o della Giunta – alle parole fasciste di Venturini. (Sono invece fortemente preoccupato per il silenzio pubblico della moglie)
Non solo perché quest’ultime sono state dette a titolo personale, ma anche perché non hanno nulla a che fare con l’attività amministrativa e solo chi ha interessi tutt’altro che primariamente collettivi può ritenerle assimilabili alla Giunta.
Per questo è assai indecoroso – e fascista – chiedere al Sindaco di toglierli le deleghe e dimetterlo, qui non è un’azione impositiva che deve essere chiesta al Sindaco, tantopiù rinfacciandogli altrimenti di chissà che complicità, ma devono venire direttamente e autonomamente da Venturini che dovrebbe, in un sussulto di serietà, e dignità, assumersi l’onere e il coraggio delle “sue” parole.
Ma si sa, come disse la stessa scrittrice Fallaci: “Non si fa il proprio dovere perché qualcuno ci dica grazie… lo si fa per principio, per se stessi, per la propria dignità”.
E chi non è stato in grado di riconoscere pari dignità a una religione, a un popolo, a un’etnia, figuriamoci se è in grado di metterla davanti financo a un proprio incarico – per giunta ben remunerato e di visibilità – di assessore.

E anche questo è fascismo. Adagiarsi sulle macerie e sulle proprie miserie umane.

IL REFERENDUM DI MARONI E I SOLDI DI LECCHESI E LOMBARDI

imm-quesito-referendum-autonomia-2017_resized_1(1)In fondo bisogna essere indulgenti con  uno come Maroni.
Uno che come vertice massimo della sua opposizione al Potere annovera l’aver morsicato una gamba a un poliziotto; uno che è stato vent’anni al vertice della Lega ma non si è accorto mai di diamanti, bond della Tanzania, bancomat bossiani, finanziamenti farlocchi, banche padane che oggi somiglierebbero al Mps. E si potrebbe continuare quasi all’infinito…
Ecco a uno così come fai a provare a spiegargli cose che sono altrettanto evidenti ma le ha fatte lui direttamente?
Parlo del farlocco referendum lombardo del 22 ottobre, che nemmeno questo caldo da allucinazioni può farci credere sia una cosa concreta.
L’avete letto il quesito del referendum di Lega, centrodestra e grillini?
La concretezza non c’è nemmeno sottintesa, la presa in giro, invece, tutta.
Maroni e soci chiedono a noi lombardi se la Regione Lombardia può chiedere al Governo di sedersi e discutere con il Governo di una maggiore autonomia.
Ma sono seri?
Cioè non ci pensano minimamente a consultarci per l’aumento delle rette e dei ticket sanitari, per fare un’autostrada, la Brebemi che non usa nessuno a cui han dato ai privati 60 milioni di euro, idem per il taglio del trasporto pubblico e sti politici da strapazzo e con la coda di fans ancora più assurdi, ci consulta per chiedere se può chiedere di sedersi al tavolino di un bar con il Governo?
E tutta sta farloccatasenza nessuna valenza concreta che non si possa fare senza referendum, ci costa 45 milioni di euro.
Quarantacinquemilionidieuro.
Ma anche se costasse una cialda di gelato, é serio?
Spendono 45 milioni di euro per questo fumo inutile e non trovano 5 milioni per il Bione? o 4 per il trasporto pubblico; o 3 per ridurre i tempi e le spese sanitarie? O non dico 20 milioni per il tunnel della Lecco Bergamo, sia mai di grazia,  ma nemmeno 400 mila euro per mitigare i problemi del quartiere di Chiuso per quella non strada che ha valenza alemno regionale?
E poi gli stessi magari vengono a Lecco invitati dai compagni di partito di qui, per fare propaganda e passerella e li applaudiamo pure.
Tutti e due. I Maroni e i fans locali

L’ASSESSORE VALSECCHI HA FATTO ACQUA (UN’ALTRA VOLTA)

acqua e trafficoIeri è stato, come sappiamo, il delirio per le strade di Lecco, più che altrove.

 

E il perché, è bene dirlo, non è paradossalmente perché ha piovuto da matti, ma perché, ahinoi anche questa volta.
L’Assessore Valsecchi non è stato in grado né di coordinare le azioni né di fare tesoro, ed esperienza, del passato e dei disagi successi precedentemente per le stesse cause.
Sta qui la delusione, la rabbia, e lo sconforto.
Non si sta infatti dicendo, e non si vuole dire, che l’Assessore Valsecchi doveva o anche solo poteva evitare i disagi,
ma si sta dicendo che poteva certamente limitarli, ridurli.
E così non è stato. Così non ha fatto.
Ancora una volta è stato una delusione. Ancora una volta, mi si permetta il gioco di parole, ha fatto acqua.
E leggere la sua lettera, piena di toni molesti, assente di scuse, e, sempre, maledettamente sempre, infarcita di questa auto-assoluzione, è francamente desolante.
I temporali, di questo livello di intensità erano ben previsti da giorni, tanto che “l’allarme meteo” era pure scritto sull’home page del sito istituzionale dello stesso Comune di Lecco.
E nella lettera dell’Assessore invece sembra (fa finta di) cadere dal pero, non una riga, come se fosse tutto imprevisto.
Invece domandiamoci: perché non c’è un Piano d’emergenza antitraffico? Se c’è non è stato, con evidenza, applicato.
Esiste un coordinamento con i Comandi di polizia municipale dei Comuni limitrofi? Anche qui, se c’è, non è stato applicato.
E l’Assessore Valsecchi è quello che organizza effimeri convegni sulla “Grande Lecco” e nel concreto invece si perde nel lavoro ordinario e non riesce a organizzare due telefonate agli altri assessori.
A quando poi una modalità di regolazione dei semafori in funzione dei flussi e delle direzioni del traffico?
E un senso unico alternato in caso di chiusura della 36dir si poteva istituire non dico prontamente ma almeno con moderata celerità?
Un raccordo organizzativo con l’Anas, i vigili del fuoco gli è mai venuto in mente? Perché se si, con evidenza, non è stato nemmeno questo applicato.
Per non parlare della pulizia dal fogliame e dallo sporco dei tombini che ogni volta si intasano e sono intasati, quando l’ultima pulizia? Anche questa è manutenzione, anche questo è Decoro Urbano.
Oramai fa l’Assessore alla viabilità da oltre due anni.
Perché qui non è che le colpe se le devono sorbire sempre i vigili, o tutto il Comune dal Sindaco all’usciere, o gli operai e i tecnici.
E no, bellezza mia, non c’entra una fava dire ironicamente  “Piove, Comune ladro”,  hai voluto fare l’Assessore alla Viabilità, pur non essendo in grado?
Insieme agli onori ci sono anche gli oneri.
Uno sconforto. Una slavina di incapacità nel vestito assessorile da festa.

VALSECCHI E UN SORSO DI ORZOBIMBO (l’economia circolare)

san patrizio pipiLa coda consigliare di ieri sulla bella Festa di San Patrizio dello scorso 17 marzo in via Parini e Nava ha dato modo, ancora una volta, al cittadino di osservare il gioco speculare tra  l’assessore vicedio Valsecchi che  tuona ordine e moschetto, e i consiglieri della Lega che rivendicano moschetto e ordine.
Quindi una forma mentis tra due destre. Una gara al ribasso per la città.
A parte che non si capisce perché le tuonate dell’Assessore – servizio d’ordine, pugno di ferro e pisciatoi – che brandisce obbligatori per le autorizzazioni future non le ha diramante già quest’anno, se così ovvie e palesi.

Ma si sa la sua ottundente passione politica a stravolgere la realtà, la sua irruenta necessità di visibilità egotrasbordante sono sempre state brandite, fateci caso, per mettersi in mostra inciampando in rinculi pazzeschi. 

Alle elezioni promise che se non avesse preso almeno 2000 voti e il 10% non sarebbe entrato in Giunta e oplà, ne prese molti e molti di meno ma pur di apparire…
fece uno sforzo…se ne dimenticò. 

Disse anche che non sarebbe mai stato in Giunta con Venturini, ma pur di esserci ancor oggi arriva in aula prima di tutti gli altri assessori e siede distante a lui.
Deve aver inteso che basta non entrare nella stessa inquadratura della telecamera per non essere in Giunta assieme.

Fa un’apoteosi di comunicato per l’inaugurazione della Piazza Affari annunciando spettacoli e megaeventi e poi è costretto a ritrattare perché non si era accorto dei pali di 6 metri piantati al centro della stessa o ancora l’altro ieri che dopo manco un anno deve rimetterci mano, non ai pali ma alla pavimentazione che, questa sì, balla.

il Don Guanella che decide di pittare il muro di via Porta e lui pur di non condividerlo con Giunta e consiglieri fa una conferenza stampa di presentazione da solo per prendersi meriti,  che erano collettivi e fortemente sbilanciati fuori dal suo ufficio.

 
E non dimentichiamo come lui tende a fare, che il Centro Bione era in capo anche a Lui.
 
Ebbene dopo tutto questo eccolo di nuovo ieri in divisa (lontano da Venturini).  Non vuole bottiglie di vetro in vendita durante la Festa di San Patrizio e della birra irlandese, perché i giovani poi ubriachi pisciano e sporcano in giro.
Non accorgendosi che non è il vetro che li fa pisciare ma la birra che c’è dentro. Non accorgendosi inoltre che è l’alcol che li fa ubriacare non la schiuma alla spina.
Farà quindi una postilla alla sua tuonata:  Volete bere orzo maltato? Prendete una tazza di Orzobimbo.
Nella sua plateale incoerenza esiste dunque una ferrea coerenza: per lui l’apparire conta più di ogni altra cosa, persino della sua pur non piccola vanagloria personale. Tradotto: pur di apparire è disposto a martellarsi le gonadi alla Tafazzi.
Quindi sfidando la riprovazione di gran parte dei cittadini – che lo detestano – e anche la mia – lo detesto bonariamente anch’io (ma è reciproco) – voglio proporvi di brindare a lui con un orzobimbo alla spina  e un bicchiere di plastica dove fare la pipì.  Lui, c’è da aspettarselo, pur di apparire potrebbe venderla come economia circolare. Sempre che qualcuno continui a berla
 

UNA NOTTE NERA PER UNA LECCO ILLUMINATA

cioccolatoDomani, sabato, fino alle 23, la Festa del Cioccolato, iniziata ieri, diventa la Notte Nera. Degustazioni, tavolette, burro di cacao e colesterolo, ma quello buono, probabilmente fuso o fondente.

Vorrei far emergere, senza ammantarla da megaevento, o da Festival “Lecco Città dei Promessi Sposi” che è ben altra cosa per la Città, che questa iniziativa é comunque una bella cosa, positiva, per una Comunità.

L’eccellenza di un prodotto dentro uno spazio facilmente raggiungibile. Certo non è la Festa del Cioccolato di Perugia ma sono passi buoni per la città. Per noi. Ancor prima che turistici.

Se poi, a parer mio, nel futuro si allungassero gli stand lungo via Roma, e le vie intorno, se le vetrine fossero addobbate a tema, se ristoranti e bar offrissero parte di un menu a base di cioccolato e cacao; se ci posizionassero dei tavoli liberi in piazza e lungo le vie dove mangiare quello che lì si compra in autonomia, se si leggessero ad alta voce scritti e storie a tema, ci fossero corsi d pasticceria e cucina nei giorni precedenti o successivi, ect, sarebbe ancor più figo.

Ma, e sta qui la bontà e positività, non bisogna lamentarsi che non c’è (ancora o mai) tutto questo. Apprezzo e applaudo questo che c’è ora, e lo sostengo.  E, se condiviso dall’Amministrazione e dagli altri Promotori, e se ne sono in grado, (io e chiunque ovviamente) dare una mano per quelle cose che mancano.

Anche fosse solo mangiare un piatto di tagliolini al cacao e pinoli :-)

Ma non è perché ci si accontenta ma perché il bello e il buono bisogna sortirli assieme. Che sia cioccolato, cultura, sport, tempo.

È più di qualcosa di buono, è #BeneComune; non il cioccolato, ma voler bene a Lecco