Archivi categoria: Diritti

2 AGOSTO 1980 H.10:25 perché i nomi sono volti, carne, Storia

famiglia-mauri-strage-bologna0208801 (1)Come tutti gli anni pubblico qui e mando ai giornali, la stessa lettera, come ricordo, come memoria per capire, perchè non è vero che il passato si ripete se non lo si ricorda. E’ vero purtroppo che il passato si ripete se non lo si capisce, la Storia di una famiglia del nostro territorio, proprio perchè, sempre, in questi tempi di terrorismi, che sono lunghi e strazianti, i nomi sono volti, carne e storia.

La storia ha tre protagonisti.

Si chiamano Carlo, Anna Maria e Luca.

Carlo e Anna Maria sono una giovane coppia di sposi, Luca è il loro bambino. Sono una famiglia normale, come ce ne sono tante in Brianza, che ad agosto, come ogni anno, va al mare. Carlo, Anna Maria e Luca salutano i genitori di lei, piccoli imprenditori locali, e partono con la loro macchina verso il luogo delle vacanze. Il caldo, le code, i caselli… Storie quotidiane che si ripetono ogni estate.

All’improvviso in autostrada la macchina si rompe. Non si può più proseguire. Carlo e Anna Maria decidono di tornare a casa, ma Luca insiste e alla fine scelgono di andarci in treno al mare.

La mattina del 2 agosto 1980 alle ore 10 25′ sono nella stazione di Bologna. Oggi i loro nomi sono scritti nella lapide di marmo che si trova nella sala d’aspetto di 2^ classe.

La storia non finisce qui, la storia aggiunge a quelle vittime altri nomi.

Il papà di Carlo, Guglielmo, muore, subito dopo quell’ora pietrificata, di crepacuore. La mamma Giuseppina (cioè la nonna di Luca) entra in monastero. Eppure questa storia non è solo una storia triste, una delle tante storie d’impunità della terra, è anche una piccola-grande storia di resistenza. Ogni anno sul quotidiano locale La Provincia tutti i lecchesi e i comaschi possono leggere un breve necrologio che ricorda i loro nomi. Ogni anno, fino al 2007 quando è morta è stata la mamma di Carlo a pagare, a sue spese, dal monastero, quel piccolo riquadro di memoria che ricorda a tutti i lettori de La Provincia Carlo, Anna Maria e Luca. Ora lo stanno facendo altri famigliari.

Custodire la memoria è quindi un impegno che dobbiamo sentire ognuno e insieme. Una memoria però per capire, perchè non è vero che il passato si ripete se non lo si ricorda. E’ vero purtroppo che il passato si ripete se non lo si capisce. Ed è in questo modo  che non dobbiamo dimenticare in ogni luogo dove ci troviamo e ci troveremo il 2agosto. Le vacanze estive, o ancora sul posto di lavoro, dalle pagine del nostro quotidiano, dal nostro profilo social, ovunque siamo, ovunque saremo, qualunque urgenza avremo. Un impegno di memoria e civiltà.

Anche per Carlo, Anna Maria e Luca. Che molti di noi non conoscevano ma che erano cittadini, uomini, famiglia, futuro. Come lo siamo noi

CIRESA NE VALE DAVVERO LA PENA?

unnamed (6) FB_IMG_15950094978739228Una setta forse ahinoi maggioritaria a Lecco ha messo in prima fila un brav’uomo che evidentemente non ha capito dove è finito, trasformato da uomo di solidarietà a adepto di sostegno.

Ecco servito chi si fosse illuso che Ciresa, almeno il buon vecchio Ciresa, potesse redimere partiti e facce da secoli di gaglioffaggine, barbarie, egoismo, impresentabilità ad almeno 5 futuri anni di virtù e diritti.

Macché, il vecchio Ciresa, è appena il ricalco di quello che era fino a 3 mesi fa.
Ora ha i suoi bigotti, i suoi tutori della fede, i suoi eretici impresentabili sentinelli di piazza, che lo usano in un ruolo non suo.
(tra gli altri quel dott. Gulisano che già un decennio fa diede dell’assassino al papà di Eluana)

Il sospetto, a questo punto, è che la colpa non sia né del tema, né della campagna elettorale, ma della vile, squallida pirlaggine e impresentabilità degli uomini di cui si circonda e che lo circondano, confondendosi.

La domanda prepolitica da porsi è
Ciresa ne vale davvero la pena?

STRISCIONI E AZIONI #StopArmiEgitto

Comune-Lecco-Regeni-Zaky-2Abbiamo due striscioni sui lati del balcone del Palazzo Comunale che come due finestre sul mondo di ognuno chiedono Verità e Giustizia per Giulio Regeni e Patrick Zaky.

Simbolicamente sorreggono la nostra Democrazia e Civiltà.

Oggi rischiano di essere due imposte che si chiudono davanti alla scelta del Governo di vendere all’Egitto due fregate multiruolo Fremm del valore di 1,2 miliardi di euro e di ancor più pattugliatori, caccia e aerei addestratori.

FB_IMG_15918074265344673Come diceva Calamandrei agli studenti per la Costituzione, che non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé ma bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile, anche per Verità e Giustizia va messo ogni giorno combustibile.

E questo è l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità.

Bisogna continuare a mettere vento nelle vele di questi nostri striscioni.

E questo vento, questo combustibile chiede che il Sindaco, a nome di tutti, scriva, ora, al Governo per dire il nostro #StopArmiEgitto, per ribadire con forza Verità e Giustizia per Giulio e Zaky.

Altrimenti si tolgano quegli striscioni.
Non possiamo permetterceli.
Non ce li meritiamo

https://www.disarmo.org/rete/a/47776.html

COVID19 NELLE CARCERI: SUPPLEMENTO DI PENA

carcereSe abbiam paura noi del Coronavirus è facile immaginare quanto debbano averlo le persone detenute nelle carceri.
Bastan pochi dati:
I posti disponibili nelle carceri italiane sono 50.931. Le persone detenute presenti, a fine febbraio 61.230.
Alcuni istituti hanno tassi di affollamento del 190%
Ogni giorno le persone detenute senton dire in tv che bisogna mantenere le distanze, salvo poi ritrovarsi in tre in celle da 12 mq.

Ci ricordiamo lo scorso anno Extrema Ratio, la simulazione di una cella vera nel cortile del Palazzo Comunale.

L’altro dato, locale. A inizio maggio nel solo carcere di Pescarenico, su 60 persone detenute, ben 21, il 40%, erano positive.
E, aspetto non secondario ma grave, è che fino a fine aprile non era stato riscontrato nessun caso. Com’è possibile che a due mesi dall’evidenza pubblica della pandemia non si sia riusciti a evitare il diffondersi, così massiccio ed esteso, del contagio nemmeno in un ambiente dove le relazioni con l’esterno sono minime e programmate?
Cosa non si è fatto? Cosa si è sottovalutato o non tenuto conto? Perché?
Inoltre, per trasparenza, i casi riscontrati son solo quelli che han presentato sintomi e, per questo, sottoposti a tampone o​ tutte le persone detenute e il personale vi è stato sottoposto ed è risultato negativo?

Paura, solitudine, sovraffollamento e rischi di contagio sia per le persone detenute che per lo staff impongono risposte urgenti ed efficaci, allo scopo di non recidere i rapporti con il mondo esterno e ridurre ulteriormente spazi di libertà

Ci indigniamo per le scarcerazioni delle 3 persone sotto regime di 41bis, peraltro regime giustamente condannato dalla Corte dei Diritti umani, e ci vien facile dimenticarci di tutta questa umanità composta da oltre 60mila persone invisibili, molte, troppe delle quali in carcere peraltro
da presunte innocenti e senza sentenze definitive e, per inefficienza e disumanità dello Stato e direzioni carcerarie, debbono subire, nei fatti, un supplemento di pena.

I consiglieri interplellino il Garante dei diritti delle persone detenute

OGGI, 75 ANNI FA, CI PROVANO ANCORA

25-aprile-resistenza-morto-liberta75 anni fa a Bonzanigo veniva fucilato Mussolini e i suoi gerarchi fascisti da Michele Moretti il partigiano Pietro Gatti.

75 anni fa allo Stadio di Lecco venivano fucilati 16 ufficiali e sottufficiali fascisti della Brigata Nera Leonessa

Oggi il Coronavirus, forse, eviterà a neofascisti, furbastri e meschini militanti di sfilare davanti a questi luoghi per commemorazioni di un regime nefasto e ladro.

In entrambi i luoghi finì l’allora presente della Dittatura.

Da lì troppi nostalgici e vigliacchi, ammantano di epica le gesta di quei gerarchi e militi

Ogni anno ci provano a raccontare che:
“Hanno dato la propria vita per un ideale” . Dimenticando di dire che l’ideale era quello nazifascista che da oltre 20 anni stava massacrando e umiliando popoli e cittadini.

Ci dicono anche che:
volevano un Paese vero”. Dimenticando di dire quale. Il loro Paese vero era quello nazista e fascista, dittatoriale e razzista. Quello delle Leggi razziali, delle violenze, dei campi di sterminio, delle torture, dei soprusi, della guerra, dei gas….
Un Paese così vero che negava democrazia, libertà, giustizia e solidarietà.

A Lecco i fascisti coi nazisti hanno, tra le altre nefandezze, mandato a morire in campi di concentramento e sterminio ragazzi, uomini e donne che il 7 marzo del 1944 hanno avuto forza e dignità di rivendicare pane e libertà.

Eppure ogni anno, oggi, nostalgici fascisti tendono ancora il braccio teso verso la vergogna.

Ci dicono anche che:
I morti sono tutti uguali” ma è da vivi che si giudicano le persone. E poi, per questo, si onoran da morti.

I partigiani lottavano per la libertà I fascisti stavano con i nazisti.
Ricordarlo a chi presenzia al ricordo di uomini indegni da vivi, sarà retorica – e pure inutile – ma è bene riperterlo. E ripeterselo!

ora-e-sempre-resistenza-520x245

UNA TRAGEDIA PIENA ZEPPA DI INDECENZA

FONTANAL’aspetto intollerabile è che questa tragedia è piena zeppa di indecenza.

Chi governa questa pandemia dagli scranni Istituzioni veste sempre la maschera del salvatore, numeri numeri e ancora numeri. +525 morti +681 morti +760 morti +766 morti. Per storditi e per narcotizzarti.

E nemmeno una parola, in testa, in coda o almeno in bocca, dopo 50 giorni, per assumersi le proprie responsabilità che sono li in fila come i camion militari che abbiamo dentro gli occhi. Responsabilità che ognuno di noi, cittadini in quarantena, contagiati e contagianti sappiamo ogni giorno di più.

Nemmeno una parola per le proprie responsabilità sulla leggerezza e le rassicurazioni dei primi giorni.
Per gli ospedali in Fiera annunciati con la fanfara per 600 posti in 6 giorni che sono 24 dopo un mese

Nemmeno una parola per le proprie responsabilità sui ritardi per le chiusure, per gli spot #Xnonsiferma, per le mancate zone rosse e relativo toccava a te no a te, intanto toccava sempre a noi cittadini, solo che era il virus.

Nemmeno una parola per le proprie responsabilità sulle mascherine che non ci sono, sugli ordini a aziende da tempo chiuse che, se non fosse tragico sarebbe comico. Sulle mascherine “stanno arrivando” al personale sanitario che così si infettava. 350 solo qui. E non regge più che è solo sfiga.

Nemmeno una parola per le proprie responsabilità, suno a tamponi a possibili positivi e alle infermiere perché altrimenti quarantena.  La tecnica è farle fuori poco alla volta. Sul campo come Alpini sul Don. Qui stessa dignità na senza ritirata.

Nemmeno una parola per le proprie responsabilità sui cecchini nelle RSA con le circolari regionali come pallottole che imponevano di far posto per i positivi. Una mina antiuomo sotto il letto.
Un respiro e salta tutto.

Ecco: Potete usare tutti i mezzi di propaganda, tutte le dirette e le scuse del mondo. Costruire realtà distorte quanto volete e quanto crediate.
Ma non avrete scampo, ognuno. Tutti. Su tutto.