EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

ANCORA ANCORA ANCORA (covid e soldi)

FB_IMG_16173572275365909Se c’è da dare una mano le genti di Lecco non si sono mai tirate indietro

Dalla lotta contro gli Austriaci, a quella di Liberazione, agli aiuti nel Polesine, ai volontari all’estero e altre mille e mille volte, ogni giorno, fin dentro questo tempo di Covid

Uomini, tempo, vite e soldi

Però a un certo punto quando dall’alto della Politica, dell’Asst e Regione ti gridano “ancora, ancora, ancora” è bene fermarsi e domandarsi se ci stan prendendo in giro

Perché quell’ “ancora, ancora, ancora” ora per poter aprire il centro vaccinale al Palataurs oltre che un problema etico e di messaggio: “se non mi dai i soldi non ti curo” – e stiam parlando di sanità pubblica mica fiori – c’è quello assurdo che ancora c’è bisogno di soldi, 40.000 euro, da raccogliere con la beneficenza quando ASST Lecco ha ricevuto in donazioni oltre 5 MILIONI di euro!!! (5.032.788,28) come da sua Delibera n.115 del 18/2, e ha pure un Bilancio di oltre 319 MILIONI di €

Ma proprio loro e il Comune ce ne chiedon altri per aprire il Centro vaccinale al Palataurs
Una fila per vaccinarsi, una fila per il bancomat

E dopo annunci, interviste, post, newsletter settimanali del Sindaco che si prende meriti per l’apertura del Palataurs – e fa il dispensatore briviano di elogi trasversali ed elettorali – oplà si scopre di botto, all’ultimo, che però non ci son soldi per allestimenti, frigo, pc e personale

Per non parlare appunto del sotterraneo ribollire di discriminazioni che deve subire il personale con paghe diverse per la stessa prestazione (ordinaria, co.co.co, partita IVA).

E per non parlare della corsa disorganizzata a farci pagare spazi privati senza che Comune, ASST, Ast mettano prima a disposizione i loro (palestre, sale, aree, campi, distretti)

Siamo spettatori dell’improvvisazione e dobbiam pure trovare i soldi:
“ancora, ancora ancora”
Mentre la politica fa passerella

ALLONSANFAN DE LA PATRIE

FB_IMG_16173574020583568In politica come nel mercato vale la massima che per avere successo bisogna essere sinceri: se riesci a fingerlo ce l’hai fatta.

La sinistra ne ha fatto una bandiera.

Nel periodo sincerità sul Teleriscaldamento, era il maggio 2017 Anghileri in consiglio diceva: “No alla realizzazione del faraonico progetto di Tlr…ma usare semmai gli 80 mil nell’efficientamento energetico degli edifici…

Chiedeva poi che: “fosse garantita maggior trasparenza, consentendo una piena consapevolezza degli atti che vengono compiuti… anche ai Consiglieri”

Condivideva l’incontro su “il Modello Contarina” ossia l’opposto del modello Silea. recupero spinto dei rifiuti, trattamento a freddo per abbattere inquinamento e spreco risorse, avanguardia tecnologica no inceneritori ect

A luglio, dopo un voto contrario alla richiesta di referendum sul TLR, Anghileri pubblicamente (su fb, probabilmente nella sua stagione da leone da tastiera) si scagliava contro “negazione e ostacoli che pd e destra mettono alla partecipazione dei cittadini”

Poi è diventato maggioranza e trasparenza e partecipazione per lui è diventata un’amnesia o un’amnistia

Poi c’è stato il periodo scuola pubblica e giù impropri contro il finanziamento alle paritarie (1.400.000 €) oggi la montagna ha partorito il topolino: stessi soldi a loro ma una sezione di scuola pubblica in più ogni anno.
Ed è una nuova amnesia o amnistia

Il periodo contro il Piano Cave da fuori palazzo, nel 2014, era un partecipare alle campagne dei gruppi organizzati su raccolta firme per dire no “all’Addio ai monti”, Magnodeno in testa, a serate nei quartieri e sodale contro negligenze e silenzi della politica.
Poi è diventato maggioranza, e il silenzio è diventato anche il suo.
Ed è una nuova amnesia o amnistia

Poi ecco la stagione contro il Consorzio Girasole, come gestore dei servizi sociali cittadini, con appalti da 50mil€.Tuoni, fulmini e pure manifesti sui muri
Poi gli han dato beffardamente quell’assessorato ed è una nuova amnesia o amnistia

Per avere successo bisogna essere sinceri: se riesci a fingerlo ce l’hai fatta. Anghileri ce la sta facendo.

E ora cantiamo tutti in coro: allonsanfan de la patrie….

TELERISCALDAMENTO PERCHÉ E PER CHI

FB_IMG_16162843691791108Da ieri sera la domanda non sarà più TLR sì o TLR no, ma TLR perché TLR per chi

La prima infatti si è risolta con il voto favorevole dell’Assemblea dei Sindaci soci di Silea appunto di ieri. 45 si, 1 no solo. (21 astenuti)

Il perché invece è ancora da ricercare.
Ogni ragione brucia nel forno dell’evidenza e della logica

– Perché è un Progetto caro come il fuoco, che brucia 80 milioni di €, che metterà il cittadino.

– Perché è un Progetto che distoglie risorse e futuri alternativi. Per 35 anni almeno, le scelte ambientali alternative, innovative, che già ci sono e che verranno, non si potranno cogliere
Bruciate nel forno dell’ammortamento di questa spesa pazza.

– Perché è un Progetto che per decenni brucerà rifiuti ben prima, forse, di biomasse, fanghi.
Rifiuti che i cittadini non produrranno abbastanza perché sempre più virtuosi nella differenziata e che allora si dovrà importare, più di quanto già non si faccia.

– Perché è un Progetto dove i vertici di Silea per convincere i Sindaci gli han scritto, il 9/3, in via riservata, che forse, si ipotizza ci son dividendi alti, ricavi super, società nuove da creare, e sottinteso, incarichi da distribuire

4/8milioni di € i ricavi e 2 di utile netto, che ripartiti sulla novantina di soci diventano briciole di una tavola imbandita, a favore d’altri.​
Cifre senza un Piano, una prova, una simulazione finanziaria indipendente ed asseverata, mostrata ai consiglieri

I ricavi di Silea sono costi per i cittadini.
Gli utili son mancati sconti in bollette e soldi​ in più pagati in tasse.

E ci sono altri 49 “perché”, ​che van sotto la voce servizi alla finanza e non servizi ai cittadini: disagi stradali per mesi, mesi, e ancora mesi. Monopoli sulle bollette, Inquinamento, Forno che brucia a pieno regime per decenni.

Rischi d’impresa in capo ai cittadini, manutenzione impianti a spese nostre al termine del contratto, voto dei consiglieri al buio non avendo visto carte di Piani e condizioni. Mancata trasparenza e partecipazione. Zero possibilità di recedere anche se dovesse esser un Progetto ancor più caro e fallimentare

Resta solo più una domanda, il TLR per chi?
Visto che non è conveniente per i cittadini?

E questo lo si può leggere già nella lettera del 9/3 ai soli sindaci del Presidente di Silea.
Finanza, Borsa e incarichi ben retribuiti da distribuire, sottintesi.

POLITICI VIRTUOSI NON VIRTUALI

FB_IMG_16154841539179591La petizioni online per Salvare il Magnodeno ha sfondato in pochi giorni le 2000 firme.

Anni addietro, 2012/13, Qui Lecco Libera fece lo stesso e presentò osservazioni dettagliate e documentate al Nuovo Piano Cave, serate e video documentari informativi.
Il Comune, con assessori oggi tornati in Consiglio, si dimostrarono silenti e sordi.
Il Comune, oggi, pare addirittura assente.
A tutti i livelli. Assessori, liste, consiglieri

Qualche neo di questi ha firmato la petizione

Senza arroganza ma nemmeno ingenuità va ricordato che insieme alle firme di petizioni online, e pure prima, loro dovrebbero:

– Far convocare la commissione consigliare competente, con l’aiuto di altri commissari e del relativo presidente

– Interpellare Assessori e Sindaco per conoscere e contribuire alla redazione della posizione dell’Amministrazione e relativi contributi scritti da far avere alla Provincia titolare delle decisioni. Questa volta prima della scadenza.

– Chiedere l’audizione delle associazioni e dei gruppi anche informali civici, come il Comitato “Salviamo il Magnodeno” promotore della petizione, che da tempo si occupano del tema

– Coinvolgere i tecnici per valutare poi politicamente nel solco delle norme le azioni e gli Atti di salvaguardia, che come singoli consiglieri, gruppo, lista ect possono mettere in campo per poi far deliberare.

– Rendere pubbliche le posizioni proprie e dell’Amministrazione anche attraverso documenti e comunicati

Perché il silenzio è assordante
Poi ben venga la propria firma online ma a ognuno il suo ruolo.

Abbiamo bisogno di politici virtuosi non virtuali

FB_IMG_16154841488489631

CONSIGLIERI A RISCALDARE IL POSTO

FB_IMG_16154838246738189 FB_IMG_16154838198977258Teleriscaldamento si, Teleriscaldamento no, può aver sfracassato i cabbasisi a parecchi di noi

Ma 2 aspetti che si son visti nei consiglieri devon essere annotati per la loro gravità anche se l’argomento ora lo si vorrà tener a distanza a protezione dalla rottura dei cabbasisi stessi

Il primo è circoscritto al tema specifico:
Questa roba del TLR palesemente rallenta, distrae, ferma, impedisce sviluppo e possibilità di sperimentare, promuovere, percorrere e avvicinare tutte quelle forme di Comunità energetiche, di cultura ecologica e sulla realizzazione di percorsi innovativi per i prossimi 100 anni e altamente virtuosi che potrebbero essere dietro l’angolo

Non è intralcio da poco, perché questo ci costa soldi, futuro, sostenibilità, benessere, ritardi evidenti ed evitabili.

Il secondo aspetto è ancor più grave.
La sudditanza intellettuale e di pochezza dei consiglieri palesatasi con il TLR

Ovvio che non puoi saper tutto come consigliere Che addirittura se sei nuov* potresti non saper nemmeno come si scrive un emendamento e forse nemmeno un accesso agli atti
Però cazzo, i giornali li leggi, i siti di informazione, i post su Fb, ect.
Ecco uno squillo, una mail, un WhatsApp, una richiesta di spiegazione, un suggerimento, una domanda da fare poi in Aula, una richiesta a Duccio Facchini, a chi altri questo tema lo tratta da anni, ai cittadini che hanno argomentato contrarietà e dubbi, cazzo lo devi fare.
Se no sei lì ad alzare la manina come ti dice il tuo capogruppo o peggio il Sindaco

E invece silenzio.
Basta vedere i video del Consiglio comunale, gli articoli di cronaca, fb e profili. E se l’han fatto sul TLR, lo posson fare su tutto. Soldi, Cave, Mobilità, Partecipate. Tutto

Non è cosa da poco, perché questo ci costa fiducia, autonomia, controllo, serietà.

PS: a volte vorrei pagare un giornalista con videocamera e far fare le interviste come le facevan QLL e Duccio Facchini, solo che non c’è un giornalista come Duccio.

IL VIRUS DEL LINGUAGGIO

FB_IMG_16154825936455696Parliamo di un altro virus che non è il Covid ma l’insistenza a sminuire le battaglie, piccole o grandi, di genere e l’affrancamento da stereotipi?

Ieri a Sanremo Beatrice Venezi, presente come ospite, ha rivendicato di voler essere chiamata “direttore d’orchestra” e non “direttrice”.
Dando questa motivazione: “la posizione ha un nome preciso e nel mio caso è quello di direttore di orchestra, non di direttrice”.

Quindi non è una questione di libertà individuali, lei infatti è liberissima di farsi chiamare e pure pretendere di essere chiamata come meglio preferisce

Il cortocircuito sta e con essa la gravità, oggettiva, nella sua spiegazione: “la posizione ha un nome preciso…..”
Non capendo o sottovalutando che questa è proprio una convenzione figlia del maschilismo, del patriarcato, delle convinzioni imposte da un modello culturale.

E il linguaggio, le parole, contribuiscono in modo potente decisivo a creare la realtà che viviamo.
I linguaggi non sono forma (eventualmente, hanno forma), sono sostanza.

Siamo tutti liberi di scegliere e di utilizzare le parole che desideriamo come meglio crediamo ma è necessario assumerci la piena responsabilità di questa scelta e di quest’uso

A parer mio sarebbe buona cosa prenderne consapevolezza, soprattutto quando si è davanti a una platea popolare televisiva così ampia Continua la lettura di IL VIRUS DEL LINGUAGGIO

a forza di essere vento